Sul velo (3)

Sì, ancora sul velo.
Il Belgio, paese perennemente sull'orlo della crisi politica per i dissidî etnico-linguistici tra fiamminghi e valloni, non trova di meglio da fare che battere la Francia sul tempo e vietare su tutto il suo territorio il velo integrale.
Leggo che "i promotori dicono di voler assicurare la pubblica sicurezza ma anche rispettare la dignità delle donne".
Per "rispettare la dignità delle donne" entra in vigore una legge che, nel caso siano velate, punisce le stesse con "un'ammenda da 15 a 25 euro o con una pena detentiva fino a sette giorni".
In pratica una donna può essere punita penalmente, e questo per difendere lei e la sua libertà.

Ok.
Se il ragionamento ha senso, allora voglio almeno tre anni di carcere a chi è vittima di violenza sessuale. Il sequestro dei beni (rimasti) a chi è vittima di furto. Botte supplementari ai bambini maltrattati. Tre mesi in miniera per le vittime di mobbing. Distruzione coatta dell'auto a chi ha subìto un tamponamento.
Per le vittime di omicidio non si può fare granché: ci accontenteremo di fare scempio del cadavere.

Per quanto riguarda la questione della sicurezza, continua a sembrarmi ridicola e pretestuosa (come spesso è quando si usa questa parola magica, "sicurezza"; come quando si usano tutte le parole svuotate dalla retorica mediatico-politica).
Quanti casi di attentati alla sicurezza abbiamo avuto finora, tramite il temibile stromento del velo integrale? Nel caso fosse un rischio effettivo, quante persone col velo integrale girano per l'Europa? Sono più o meno di chi in inverno si imbacucca completamente? Così magari si può capire il peso effettivo della "minaccia", e la necessità di provvedimenti.

Chi è favorevole o non pregiudizialmente contrario al divieto del velo integrale spesso cita proprio come argomento l'esiguità numerica di chi lo indossa. Il divieto sarebbe tollerabile proprio perché andrebbe a colpire un'infima minoranza.
Ragionamento sbagliatissimo, perché tra i còmpiti dello Stato dovrebbe esserci quello di garantire soprattutto i diritti delle minoranze, strutturalmente meno capaci di difendersi rispetto ai costumi maggioritarî (diverso il caso di minoranze di fatto ma ancora in posizione di potere economico e influenza sociale: ad esempio la Chiesa Cattolica).
Se vengono presi provvedimento discriminatorî, non è che questi siano meno biasimevoli se vanno a colpire poche centinaia di individui su popolazioni di milioni. Anzi, anche astraendo dal nostro caso in questione, a maggior ragione sono biasimevoli, proprio perché se la prendono con quelle mosche bianche, che hanno poche possibilità di fare gruppo per opporre una resistenza comune efficace, di ottenere supporto da altri gruppi sociali, o anche solo di far sentire la propria voce e opinione sulla questione.

Ma si sa che il potere dello Stato, o di chi occasionalmente lo detiene, quando vuole mostrare i muscoli se la prende apposta con le minoranze numericamente più ridotte, possibilmente già disprezzate, e poco comprensibili dal resto del corpo sociale.

E qui si capisce da ultimo quale sia lo scopo effettivo di provvedimenti come quello belga, che nulla hanno a che vedere con la "sicurezza" o la "dignità della donna", e molto invece con misure simboliche e punitive nei confronti di una minoranza sparuta e surrettiziamente associata, nella mentalità comune, con quel più ampio insieme dell'immigrazione musulmana in Europa.
Ma siccome certa politica non può (ancora?) permettersi di bastonare troppo duramente la comunità musulmana tutta, ecco che prende comodamente di mira la minoranza della minoranza della minoranza, brandendo come un feticcio un principio, quello della "difesa della donna", che nessuno, a "destra" come a "sinistra" si sognerebbe mai di contestare.
Detto in breve: bullismo di Stato a basso prezzo travestito da intervento illuminato e autocelebratorio.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: