La grande macchina cieca /1

Lungi da me fare l'elogio delle piccole comunità dei tempi andati, quelle col mulino bianco, il nonno saggio, i bimbi vispi e sani, i tempi lenti e umani e il contatto con la terra, quando i pomodori avevano un sapore vero.
Nella piccola comunità dei tempi andati il contatto con la terra significava la schiena rotta sui campi, sperando di cavarne qualcosa per riempirsi la pancia d'Inverno, i bimbi morivano come mosche prima dei cinque anni d'età e i vecchi erano telecamere di sorveglianza su due gambe (con bastone) che salvaguardavano la virtù di figlie & mogli, chiuse in casa a far telaio, dall'adolescenza alla vecchiaia, al servizio del padre, del marito, del figlio.
 La piccola comunità dei tempi andati era quella in cui gli avvinazzati del sabato sera uscivano dall'ostaria per andar a tirar pietre (quando andava bene…) contro la casa dello scapolo, della zitella, o di quelli strani e diversi, case fatiscenti site ai margini del villaggio, ché tanto nessuno li difendeva.
E poi la domenica a messa tutti bravi cristiani a farsi benedire da un prete che gli abitanti del villaggetto se li rigirava come meglio credeva.

Eppure a leggere certe notizie vien da riflettere.
Se La Repubblica non mente (eh…), San Marino, attualmente, ha un solo detenuto.
L'anno scorso, 2010, ne ha avuti sette. Nel 2009 il record di quattordici. Però distribuiti lungo tutto l'anno, non contemporaneamente. Non è chiaro quanto sia il picco di detenuti nello stesso momento.
Bella forza, si dirà, San Marino è un paesello.
E allora facciamo un po' di conti.
San Marino attualmente ha poco più di 30.000 abitanti.
L'Italia circa 60.000.000.
Un detenuto di San Marino corrisponde a 2.000 detenuti italiani. Se l'Italia fosse San Marino, è come se attualmente avesse 2.000 detenuti.
E se anche San Marino arrivasse mai ad avere "ben" quindici detenuti nello stesso momento, corrisponderebbero a 30.000 italiani.
L'Italia però, attualmente, di detenuti ne ha 70.000 (in crescita costante).
Conclusione: attualmente l'Italia ha un tasso di carcerazione 35 volte superiore a San Marino.

E allora osservo una cosa.
Che gli Stati coi tassi di carcerazione più alti sono quelli più popolosi e vasti: Stati Uniti, Cina, Russia.
Risparmio i calcoli intermedii: il tasso di carcerazione degli Stati Uniti è 250 volte superiore a San Marino.
La variabile sembra indipendente dal sistema politico: può essere un sistema autoritario e centralizzato (Cina), semi-autoritario (Russia), o tutto sommato aperto, democratico e federale (Stati Uniti), ma la quantità di carcerati resta sempre alta.
La crescita del tasso di carcerazione in un paese è esponenzialmente correlata rispetto alla popolazione.
Più si vive in uno Stato vasto e popolato, più è probabile finire dietro le sbarre.
Perché?
Io una mia idea ce l'ho.

Un certo Moore, in The Formation of a Persecuting Society fa notare come le prime persecuzioni di massa e organizzate, in Europa, partono già dal X secolo.
E io aggiungo: per arrivare fino ai nostri giorni.
Mille anni di persecuzioni, emarginazioni e, a tratti, sterminii, dove l'illusione di interruzioni e pause sono date solo dal cambiamento dei bersagli: eretici, lebbrosi, zingari, ebrei, streghe e maghi, poveri e vagabondi, nemici politici ed economici, minoranze sessuali, migranti. Tanto per citare solo le categorie principali.
Cambiano i regimi politici, dalle monarchie assolute, alle democrazie e ai fascismi. Dal feudalesimo al capitalismo, o al comunismo. Dal dominio della religione allo stato secolare e laico. Ma le persecuzioni di massa persistono e prosperano in qualunque ambiente politico, culturale ed economico.
Di testi che han cercato una spiegazione ce ne sono pochi o meglio, molti.
Decine di volumi sulle cacce alle streghe, migliaia di migliaia sullo sterminazionismo nazista. Ma quasi tutti si concentrano su questi singoli casi, o sui meccanismi interni e locali che li informano.
Non c'è, che io sappia, nessuno o quasi nessuno che abbia tentato una risposta ampia al perché, nessuno che abbia anche solo tentato di elaborare una teoria generale della persecuzione sociale di massa. Che prescinda dai singoli casi.
Non chiedersi perché nella Germania degli anni Quaranta gli ebrei erano nei campi di concentramento. O perché nel Regno Unito negli anni Cinquanta si castravano chimicamente gli omosessuali. O perché nell'Europa del XIV secolo si dava per certo che zingari e lebbrosi complottassero per sterminare la cristianità.
Chiedersi, piuttosto, perché è così facile, quasi irresistibile, che scattino questi meccanismi allorquando gli esseri umani si riuniscono in città e si danno dei governi. A prescindere dalle categorie che di volta in volta subiscono il ruolo di bersagli, da imprigionare nel migliore dei casi, distruggere nel peggiore.

Dicevo che io, una mia idea ce l'ho

(…continua…)

Annunci

3 Responses to La grande macchina cieca /1

  1. Uhm, secondo me dimentichi il fattore fondamentale, ovvero l'urbanizzazione (che é notoriamente legata alla criminalità). La popolazione é piuttosto un indicatore di urbanizzazione, e non un fattore in sé…

  2. Yupa1989 says:

    @ eschaton

    Attenzione, non sto parlando di criminalità, ma di carcerazione.
    Sono due fenomeni non necessariamente connessi, anzi.
    In gran parte dei paesi cosiddetti "occidentali" la criminosità negli ultimi venti o trent'anni ha subito fluttuazioni di vario tipo, o è rimasta stabile, o è andata calando, a seconda dei tipi di reati.
    Però il tasso di carcerazione, specie in alcuni paesi (tra cui l'Italia), ha subìto un'impennata vertiginosa, e questo indipendentemente dai tassi di criminalità.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: